Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2013

Poesia 1° classificata al Premio letterario internazionale Città di Melegnano 2013 XVIII ed.

Nelle celle frigorifere si riposa a testa in giù

Gli eserciti schierati
e un amore freddo si ripara
sotto le fronde spoglie dell’albero
all’angolo di un crocevia di cemento.
Un tempo passarono di qua
con le armi in spalla
e le bombe con scritto “libertà”
e tu mi ripetevi che quello che conta
è ciò che non si vede
che le radici sopravvivono
alle mine della città
che le luci al neon
delle insegne dei discount
illuminano teste
ma non cancellano le ombre.
Hai paura del buio?
Di venerdì i bambini delle case popolari
costruiscono altalene con pezzi di amianto
e quelli più grandi sanno che oggi arriverà molta gente
in cerca di polvere di sogni in porzione singola
mentre nella Milano da bere ci si mette in fila
come barboni affamati
di carne avariata e cocktail esotici
e ci si sbottona la camicia
pensando al week-end.
Hai paura del nulla?
In un deserto di detriti – concime per grattacieli –
le multinazionali attendono piene di speranza
che la bandiera venga issata.
Un drone sorvola la mattanza
e il fratello sopravvissuto
in segno di vittoria
alza al cielo le dita.
Questa notte sono cadute le stelle
e a Milano si aspetta il week-end.

rovescia e questa poesia di taglio sociologico ne è denuncia e ammonimento». Benedetto Di Pietro

Gianluca Lattuada Città di Melegnano 2013

gianluca lattuada melegnano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...